Massa Lubrense, soprattutto Marina della Lobra, nel film tedesco del 1988 “Neapel sehen und erben”.

Neapel sehen 01

Una scena del film, immagine tratta dal sito internet tvspielfilm.de, © ZDF.

Neapel sehen und erben (“vedi Napoli e poi muori”) è il titolo di un film in lingua tedesca del 1988, regia di Marco Serafini, che contiene numerose scene girate a Massa Lubrense.

Da ricerche effettuate presso i principali siti internet e negozi on line di vendita di materiale cinematografico non sono riuscito a reperire questo film in nessun catalogo, neanche in quelli relativi le edizioni fuori commercio.

E’ probabile che l’opera non sia mai stata destinata al mercato home video. La versione in mio possesso l’ho ottenuta mediante la digitalizzazione del contenuto di una vecchia videocassetta VHS,  regalatami da un amico di famiglia insieme ad altri nastri sui quali erano state registrate varie trasmissioni televisive degli anni ottanta (il logo “ZDF” presente in vari punti della pellicola è quello della Zweites Deutsches Fernsehen, una tv pubblica tedesca in onda dal 1963).

Neapel sehen 03

Una scena del film, immagine tratta dal sito internet tvspielfilm.de, © ZDF.

Il film ha inizio in Germania per poi proseguire in Italia, dove dopo una breve sessione girata in costiera amalfitana, relativa l’arrivo della protagonista in Campania, l’ambientazione principale delle riprese diventa il territorio di Massa Lubrense, in particolare il borgo marinaro di Marina della Lobra.

Alcuni attori e buona parte delle comparse ingaggiate dalla produzione per le scene girate a Massa Lubrense sono persone del luogo: chi è del posto potrà facilmente riconoscere volti familiari.

Alcuni anni fa sono stato contattato da un cittadino tedesco alla ricerca di informazioni su questo film, il sig. Hans-Joachin Mroz, appassionato viaggiatore e storico visitatore dei luoghi: egli da lungo tempo infatti viene in vacanza a Massa Lubrense con cadenza quasi annuale ed è un abituale frequentatore della Marina della Lobra.

Neapel sehen 02

Una scena del film, immagine tratta dal sito internet tvspielfilm.de, © ZDF.

Durante il suo soggiorno massese del 2013 egli, discorrendo con il sig. Angelo Esposito, titolare dell’Angelo’s Bar alla Lobra, apprese dell’esistenza di un film tedesco girato a Massa Lubrense negli anni ottanta ed incuriosito da tale argomento effettuò alcune ricerche on line “approdando”, è il caso di dire vista la location delle riprese, alla precedente versione del mio articolo che conteneva gli stralci del film, a bassa risoluzione, relativi le scene ambientate nel terriorio lubrense.

Neapel sehen 04

Una scena del film, immagine tratta dal sito internet tvspielfilm.de, © ZDF.

Questa versione aggiornata dell’articolo contiene nuovi files video, con risoluzione doppia rispetto le versioni precedenti: trattandosi di una conversione da un supporto analogico in precarie condizioni e vecchio ormai di quasi trenta anni i filmati, suddivisi in tre parti per un totale di circa 45 minuti, presentano una resa video modesta e non sono esenti da difetti (tremolio dell’immagine e distorsioni del quadro alle estremità superiore ed inferiore). Pur con tali limiti le immagini del film mostrano chiaramente scorci e vedute del borgo di Marina della Lobra che oggi ci appare profondamente mutato.

Buona visione !

Prima parte

Seconda parte

Terza parte

Ludovico Mosca About the author

Sono un collezionista di stampe, libri, foto d'epoca e film amatoriali ambientanti in Italia, principalmente in Campania (Napoli, Vesuvio, Pompei, Sorrento, Capri, Ischia, Amalfi) e nutro interesse anche per i testi le immagini ed i filmati ambientati in altri luoghi, anche esteri. Lo scopo del mio blog è divulgare la storia, le bellezze ambientali ed architettoniche e le tradizioni di vari luoghi. Posseggo libri illustrati, cartoline, diapositive (sia le tradizionali Kodachrome e simili che lastre in vetro, anche del tipo da "lanterna magica") negativi fotografici, foto tradizionali, film su nastro (vhs, video 8, betamax etc.) e su pellicola in formato 8mm, Super 8mm e 16mm, a partire dal diciannovesimo secolo (attualmente il supporto più antico della mia collezione è una lastra fotografica che riproduce una veduta di Sorrento databile tra il 1865 ed il 1875) sino agli anni del 1980. Effettuo in proprio, con attrezzature semi-professionali da hobbista, le digitalizzazioni dei vari supporti presenti nel mio archivio, dedicando a questa passione gran parte del mio tempo libero e spinto da una costante curiosità verso i costumi e le tradizioni del passato. La famiglia di mio padre Giuseppe è originaria di Gragnano, in provincia di Napoli, cittadina famosa per la produzione della pasta, i "maccheroni" ed altri formati, e del vino.

No Comments

Leave a Comment: