Massa Lubrense Punta Campanella virtual tour 2011 e video 2013

Video e fotografie navigabili della zona della Punta Campanella, nel territorio di Massa Lubrense in penisola sorrentina.
Il filmato è stato girato nel mese di marzo del 2013, le fotografie risalgono invece al marzo del 2011. Nella seconda metà del 2015 l’area è stata oggetto di lavori edili di vario genere pertanto lo scenario odierno è parzialmente mutato rispetto queste testimonianze video-fotografiche. L’area di Punta Campanella, che da il nome anche all’omonimo parco marino, è nota – oltre che per la bellezza e suggestione dei luoghi – per la presenza di una epigrafe in lingua osca, scoperta nel 1985 dall’archeologo prof. Mario Russo, e della imponente cinquecentesca torre anticorsara detta Torre Minerva.

Cliccando sulle foto si accede alla versione navigabile

Tratto iniziale della strada che conduce a Punta Campanella. E’ qui possibile parcheggiare il proprio mezzo di trasporto per proseguire rigorosamente a piedi.

 

Parte terminale del tratto asfaltato ed edicola votiva.

si gira una curva ed ha inizio l’antica via minerva.

Giunti a circa metà strada si trova una piazzola in cemento dalla quale si gode la vista di Capri e, sulla destra, della torre antisaracena detta Fossa di Papa. Da qui in avanti la strada è particolarmente dissestata.

Poco prima della Torre Minerva, sita all’estremità della Punta Campanella, si può seguire una deviazione a sinistra che conduce ad una suggestiva veduta della Baia di Ieranto.

Da destra: la Torre Minerva, il faro moderno e l’edificio diroccato che un tempo fu la casa del custode del vecchio faro. Sullo sfondo il monte San Costanzo.

Edificio diroccato e fatiscente in prossimità della Torre Minerva, demolito a fine 2015.

 

Panoramica a 360 gradi dallo spiazzo antistante la Torre Minerva

 

 

Ludovico Mosca About the author

Sono un collezionista di stampe, libri, foto d'epoca e film amatoriali ambientanti in Italia, principalmente in Campania (Napoli, Vesuvio, Pompei, Sorrento, Capri, Ischia, Amalfi) e nutro interesse anche per i testi le immagini ed i filmati ambientati in altri luoghi, anche esteri. Lo scopo del mio blog è divulgare la storia, le bellezze ambientali ed architettoniche e le tradizioni di vari luoghi. Posseggo libri illustrati, cartoline, diapositive (sia le tradizionali Kodachrome e simili che lastre in vetro, anche del tipo da "lanterna magica") negativi fotografici, foto tradizionali, film su nastro (vhs, video 8, betamax etc.) e su pellicola in formato 8mm, Super 8mm e 16mm, a partire dal diciannovesimo secolo (attualmente il supporto più antico della mia collezione è una lastra fotografica che riproduce una veduta di Sorrento databile tra il 1865 ed il 1875) sino agli anni del 1980. Effettuo in proprio, con attrezzature semi-professionali da hobbista, le digitalizzazioni dei vari supporti presenti nel mio archivio, dedicando a questa passione gran parte del mio tempo libero e spinto da una costante curiosità verso i costumi e le tradizioni del passato. La famiglia di mio padre Giuseppe è originaria di Gragnano, in provincia di Napoli, cittadina famosa per la produzione della pasta, i "maccheroni" ed altri formati, e del vino.

No Comments

Leave a Comment: