Atrani costiera amalfitana lastra fotografica del XIX secolo

Lastra-Atrani

particolare lastra fotografica

 Lastra fotografica di fine ottocento * raffigurante il borgo di Atrani, in costiera amalfitana, che con i suoi 0,12 kmq di superficie vanta il record di comune più piccolo d’Italia (fonte Wikipedia). Atrani è inserita nel “club dei borghi più belli di Italia” (Per maggiori informazioni escursionistiche in costiera amalfitana consiglio la visita del sito Giovis.com). * la lastra è la n. 36 del set “The Mediterranean” della York & Son di Glasgow, composto da 50 immagini, e la foto è databile 1887 circa (fonte The Magic Lantern Society).
Ludovico Mosca About the author

Sono un collezionista di stampe, libri, foto d'epoca e film amatoriali ambientanti in Italia, principalmente in Campania (Napoli, Vesuvio, Pompei, Sorrento, Capri, Ischia, Amalfi) e nutro interesse anche per i testi le immagini ed i filmati ambientati in altri luoghi, anche esteri. Lo scopo del mio blog è divulgare la storia, le bellezze ambientali ed architettoniche e le tradizioni di vari luoghi. Posseggo libri illustrati, cartoline, diapositive (sia le tradizionali Kodachrome e simili che lastre in vetro, anche del tipo da "lanterna magica") negativi fotografici, foto tradizionali, film su nastro (vhs, video 8, betamax etc.) e su pellicola in formato 8mm, Super 8mm e 16mm, a partire dal diciannovesimo secolo (attualmente il supporto più antico della mia collezione è una lastra fotografica che riproduce una veduta di Sorrento databile tra il 1865 ed il 1875) sino agli anni del 1980. Effettuo in proprio, con attrezzature semi-professionali da hobbista, le digitalizzazioni dei vari supporti presenti nel mio archivio, dedicando a questa passione gran parte del mio tempo libero e spinto da una costante curiosità verso i costumi e le tradizioni del passato. La famiglia di mio padre Giuseppe è originaria di Gragnano, in provincia di Napoli, cittadina famosa per la produzione della pasta, i "maccheroni" ed altri formati, e del vino.

No Comments

Leave a Comment: