Cronaca della IX edizione della gara automobilistica Sorrento-Sant’Agata sul settimanale RACI del 1937

Raci p-1

Testata del settimanale RACI, fondato nel 1927

Nel 1926 L’ACI si trasforma in RACI (Reale Automobile Club d’Italia), elevato ad Ente morale con legge dello Stato. Secondo il nuovo Statuto, il RACI è una federazione di 50 Automobile Club con 8.864 soci (su 104.000 vetture circolanti) che ha il compito di “inquadrare tutte le attività automobilistiche”. Lo Stato affida al RACI la riscossione delle tasse automobilistiche in tutta l’Italia e colonie. Nel 1927 viene istituito il Pubblico Registro Automobilistico, la cui gestione è attribuita al RACI insieme alla distribuzione delle targhe degli autoveicoli. Nello stesso anno prende il via la pubblicazione del settimanale “RACI”, organo ufficiale del Reale Automobile Club d’Italia (Fonte: www.clubacistorico.it).

Raci p-3

Bellucci, vincitore assoluto con Lancia Aprilia.

Sul numero 39 del 26 settembre 1937 viene pubblicata la cronaca, corredata da alcune fotografie, della nona edizione della gara automobilistica Sorrento-Sant’Agata. Leggendo l’articolo, consultabile sul mio account ISSUU tramite il link in calce, si apprende che la competizione fu caratterizzata dall’incognita meteo, evolutasi al meglio ad appena due ore dall’inizio della corsa, e dall’assenza dei bolidi rombanti delle edizioni precedenti (dalle immagini e leggendo i modelli di auto in gara si evince la partecipazione di modelli di serie di quegli anni) che però non ha minato l’entusiasmo dei piloti e dei tanti spettatori che inconsapevolmente assistettero a quella che fu l’ultima gara prima dello stop forzato dovuto allo scoppio della seconda guerra mondiale: bisognerà infatti attendere il 1947 per una nuova edizione.

 

Buona lettura !

Ludovico Mosca About the author

Sono un collezionista di stampe, libri, foto d'epoca e film amatoriali ambientanti in Italia, principalmente in Campania (Napoli, Vesuvio, Pompei, Sorrento, Capri, Ischia, Amalfi) e nutro interesse anche per i testi le immagini ed i filmati ambientati in altri luoghi, anche esteri. Lo scopo del mio blog è divulgare la storia, le bellezze ambientali ed architettoniche e le tradizioni di vari luoghi. Posseggo libri illustrati, cartoline, diapositive (sia le tradizionali Kodachrome e simili che lastre in vetro, anche del tipo da "lanterna magica") negativi fotografici, foto tradizionali, film su nastro (vhs, video 8, betamax etc.) e su pellicola in formato 8mm, Super 8mm e 16mm, a partire dal diciannovesimo secolo (attualmente il supporto più antico della mia collezione è una lastra fotografica che riproduce una veduta di Sorrento databile tra il 1865 ed il 1875) sino agli anni del 1980. Effettuo in proprio, con attrezzature semi-professionali da hobbista, le digitalizzazioni dei vari supporti presenti nel mio archivio, dedicando a questa passione gran parte del mio tempo libero e spinto da una costante curiosità verso i costumi e le tradizioni del passato. La famiglia di mio padre Giuseppe è originaria di Gragnano, in provincia di Napoli, cittadina famosa per la produzione della pasta, i "maccheroni" ed altri formati, e del vino.

No Comments

Leave a Comment: